Contenuto principale

Messaggio di avviso

 

COMUNICATO STAMPA

 SOSTEGNO PER L'INCLUSIONE ATTIVA (SIA)

 

Ha preso il via da venerdì 2 settembre la raccolta delle domande presso l’Ufficio Servizi Sociali di Sedriano, per l’erogazione di un nuovo sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate che ha l’obbiettivo di aiutare a superare la condizione di povertà ed a riconquistare gradualmente l’autonomia.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha posto in essere una misura di contrasto alla povertà chiamata SIA (Sostegno per l’inclusione Attiva) che prevede l’erogazione di un contributo economico alle famiglie disagiate.

La richiesta del beneficio deve essere presentata da un componente del nucleo familiare al Comune di appartenenza mediante la compilazione di un modulo predisposto dall’INPS, scaricabile dal portale del Comune di Sedriano.

Per godere del beneficio il nucleo familiare del richiedente dovrà aderire ad un progetto personalizzato finalizzato al reinserimento lavorativo sostenuto da una serie di interventi individuati dall’Ufficio Servizi  Sociali del Comune.

La presentazione delle domande non ha una scadenza temporale.

“E’ un vero e proprio patto tra la famiglia in condizioni disagiate ed i Servizi Sociali Comunali  che prevede una reciproca assunzione di responsabilità e di impegni. I progetti sono finalizzati alla ricerca attiva di lavoro con l’obbiettivo del superamento della condizione di povertà , del reinserimento lavorativo e dell’inclusione sociale e l’adesione al progetto è vincolante per accedere al beneficio e mantenerlo” dice l’Assessore Chiesa alle Politiche Sociali.

Possono presentare la domanda i cittadini italiani o comunitari o loro familiari titolari del diritto di soggiorno e del diritto di soggiorno permanente con: almeno un componente minorenne, un componente disabile, o una donna in stato di gravidanza accertata nel proprio nucleo familiare. Il requisito economico indispensabile è avere un Isee, in corso di validità, inferiore a 3.000 euro e non beneficiare di altri trattamenti economici rilevanti superiori a 600 euro mensili. Per accedere al beneficio, oltre ai requisiti minimi sopra indicati, sarà necessario ottenere un punteggio superiore a 45 sulla base di una scala di valutazione multidimensionale del bisogno già predisposta dal Ministero.  

                                                                                                L’Amministrazione Comunale