Contenuto principale

Messaggio di avviso

 
INFORMAZIONI IN MERITO ALL'EMERGENZA CORONAVIRUS

DISPOSIZIONI UTILI AL CONTENIMENTO DEL VIRUS COVID-19 OVVERO CORONAVIRUS


In data 8 marzo 2020 è stato firmato il DPCM che adotta misure ancora più restrittive per i cittadini del territorio lombardo ed efficaci fino al 3 aprile compreso.

Di seguito riportiamo alcune disposizioni fondamentali tratte dal predetto provvedimento e dai provvedimenti comunali assunti in merito  
 
 
DISPOSIZIONI PER GLI UFFICI COMUNALI FINO AL 3 APRILE COMPRESO 

TUTTI GLI UFFICI COMUNALI SARANNO APERTI AL PUBBLICO ESCLUSIVAMENTE PER APPUNTAMENTO E PER LA TRATTAZIONE DI PRATICHE INDIFFERIBILI ED URGENTI.

SARANNO COMUNQUE GARANTITI I SERVIZI ESSENZIALI CONNESSI:
- ALLO STATO CIVILE (DENUNCE DI NASCITA, PERMESSI DI SEPPELLIMENTO, ECC..)
- DELLA POLIZIA LOCALE
- DEI MESSI COMUNALI PER LA NOTIFICA DI ATTI URGENTI

PER FISSARE GLI APPUNTAMENTI SARA’ SUFFICIENTE CHIAMARE I SEGUENTI NUMERI: CONTATTI UFFICI COMUNALI.
CIASCUN UFFICIO VALUTERA’ LA SUSSISTENZA DEI PRESUPPOSTI DI URGENZA ED INDIFFERIBILITA’.

PER LA TRATTAZIONE DI PRATICHE E/O POSIZIONI E’ SEMPRE E COMUNQUE PREFERIBILE UTILIZZARE LA COMUNICAZIONE TELEFONICA O VIA MAIL.

 
A seguito di alcune segnalazioni pervenute dai Comitati locali, Croce Rossa Italiana – Comitato Regionale di Lombardia informa la cittadinanza che non è stata emanata alcuna attività porta-a-porta per effettuare test con tampone orale per la rilevazione di contagio di Corona Virus COVID-19.
Tali attività non hanno perciò nulla a che vedere con Croce Rossa e gli individui che le realizzano, benché in divisa, non appartengono alla nostra Associazione e hanno il solo scopo di introdursi in maniera illegittima nelle abitazioni, con intenti di sciacallaggio.
Si raccomanda dunque, nel caso si riceva una visita, di non accogliere in casa suddetti individui e di contattare immediatamente le forze dell’ordine.
 

Scheda Informativa della Regione Lombardia sul Coronavirus: 

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/cittadini/salute-e-prevenzione/Prevenzione-e-benessere/red-coronavirusnuoviaggiornamenti

DISPOSIZIONI PER LE ATTIVITA' SPORTIVE 

Si riportano le principali disposizioni inerenti le attività sportive:

Art. 1 comma 1 lettera d): “sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Resta consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonche' delle sedute di allenamento degli atleti professionisti e atleti di categoria assoluta che partecipano ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali o internazionali, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico. In tutti tali casi, le associazioni e le societa' sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano;”

Art. 1 comma 1 lettera s): “sono sospese le attivita' di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi;

 

 

Coronavirus: tutti gli aggiornamenti - Pagina ATS Milano Città Metropolitana

https://www.ats-milano.it/portale/In-primo-piano/novusact/viewarticle/articleid/3356

 
 
DISPOSIZIONI PER LE ATTIVITA' COMMERCIALI 


Si riportano le principali disposizioni inerenti le attività commerciali:

Art. 1 comma 1 lettera n): “sono consentite le attivita' di ristorazione e bar dalle 6.00 alle 18.00, con obbligo, a carico del gestore, di predisporre le condizioni per garantire la possibilita' del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro di cui all'allegato 1 lettera d), con sanzione della sospensione dell'attivita' in caso di violazione;”

Art. 1 comma 1 lettera o): “sono consentite le attivita' commerciali diverse da quelle di cui alla lettera precedente a condizione che il gestore garantisca un accesso ai predetti luoghi con modalita' contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali da garantire ai frequentatori la possibilita' di rispettare la distanza di almeno un metro di cui all'allegato 1 lettera d), tra i visitatori, con sanzione della sospensione dell'attivita' in caso di violazione. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le richiamate strutture dovranno essere chiuse;”

Art. 1 comma 1 lettera r): “nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonche' gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati. Nei giorni feriali, il gestore dei richiamati esercizi deve comunque predisporre le condizioni per garantire la possibilita' del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro di cui all'allegato 1 lettera d), con sanzione della sospensione dell'attivita' in caso di violazione. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro di cui all'allegato 1 lettera d), le richiamate strutture dovranno essere chiuse. La chiusura non e' disposta per farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari, il cui gestore e' chiamato a garantire comunque il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro di cui all'allegato 1 lettera d), con sanzione della sospensione dell'attivita' in caso di violazione;” 

 

 RIEPILOGO DI SINTESI DEI PRINCIPALI PROVVEDIMENTI E LIMITAZIONI 

ATTIVITA' LIMITAZIONI NOTE
Spostamenti persone fisiche Vietato spostamento in entrata e uscita Lombardia nonché all’interno della regione. E’ consentito il rientro. Sono fatti salvi gli spostamenti motivate da comprovate esigenze lavorative o di necessità o per motivi salute.
Soggetti con sintomatologie Infezioni respiratorie e febbre superiore a 37,5° raccomandato rimanere al domicilio e chiamare medico curante  
Eventi e competizioni sportive- allenamenti Fino al 3.4.20 sospese tutte le manifestazioni di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici e privati. Sono consentiti solo gli allenamenti degli atleti professionisti e di categoria assoluta in impianti a porte chiuse ovvero all’aperto senza pubblico. Le associazioni e le soc. sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e gli accompagnatori
Manifestazioni ed eventi, in luoghi pubblici e privati di carattere ludico- sportivo- religioso- fieristico- anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico- vedi lato SOSPESA OGNI ATTIVITA’ SINO AL 3.4.2020, compresi: grandi eventi, cinema, teatri, discoteche, cerimonie religiose, sale giochi, sale bingo, scuole ballo, sale scommesse e locali assimilati Compresi i Pub senza tavoli

Attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri culturali, centri

sociali e centri ricreativi
SOSPESI SINO AL 3 APRILE 2020 Per centri termali/ riabilitativi ad esclusione erogazione di prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza
BAR – RISTORANTI

Consentita l’attività dalle ore 6 alle ore 18.00 sino al 3 aprile 2020

Dopo le 18: CHIUSURA
Nelle ore consentite, deve essere rispettata la distanza interpersonale di almeno 1 metro, altrimenti CHIUSURA
ATTIVITA’ COMMERCIALI medie – grandi strutture, esercizi commerciali interni a centri commerciali e MERCATI

Chiusura nelle giornate festive e prefestive

Ad esclusione delle farmacie, delle parafarmacie e dei punti di vendita di generi alimentari
Nelle altre giornate consentito l’accesso contingentato e comunque con rispetto distanza interpersonale di almeno 1 metro. In caso contrario CHIUSURA
Altre         Attività commerciali (es. negozi di vicinato - alimentari, pizzerie asporto, attività artigianali d’asporto – gelaterie etc.) Nessuna restrizione d’orario per l’attività d’asporto (vietata la somministrazione al tavolo) Consentito l’accesso contingentato e comunque con rispetto distanza interpersonale di almeno 1 metro. In caso contrario CHIUSURA
Musei, luoghi della cultura e biblioteche Sospese fino al 3 aprile 2020  
Eventi culturali, ludici, sportivi e religioso Sospese fino al 3 aprile 2020  
Scuole di ogni ordine e grado, corsi professionali, master e università per anziani Sospesi fino al 3 aprile 2020  
Limitazioni all’accesso dei visitatori nelle RSA Limitata ai soli casi indicati dalla direzione della struttura fino al 3 aprile 2020  
 
 
 
 
 
 
 
Ci appelliamo al buon senso di ognuno, nell'evitare quanto più possibile luoghi di aggregazione e di attenersi alle indicazioni fornite dagli organismi regionali e statali sulle misure di prevenzione e segnalazione di potenziali casi di contagio.

In particolare si raccomanda di seguire le precauzioni già emanate dal Ministero della Salute

Segui queste semplici regole:

  1. Lavarsi spesso le mani: Il lavaggio e la disinfezione delle mani sono decisivi per prevenire l’infezione. Le mani vanno lavate con acqua e sapone per almeno 20 secondi. Se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol al 60%.
    Lavarsi le mani elimina il virus.
  2. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute: Mantieni almeno un metro di distanza dalle altre persone, in particolare quando tossiscono o starnutiscono o hanno la febbre, perché il virus è contenuto nelle goccioline di saliva e può essere trasmesso a distanza ravvicinata.
  3. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani: Il virus si trasmette principalmente per via respiratoria, ma può entrare nel corpo anche attraverso gli occhi, il naso e la bocca, quindi evita di toccarli con le mani non ben lavate. Le mani, infatti, possono venire a contatto con superfici contaminate dal virus e trasmetterlo al tuo corpo.
  4. Coprirsi bocca e naso se starnutisci o tossisci: Se hai un’infezione respiratoria acuta, evita contatti ravvicinati con le altre persone, tossisci all’interno del gomito o di un fazzoletto, preferibilmente monouso, indossa una mascherina e lavati le mani. Se ti copri la bocca con le mani potresti contaminare oggetti o persone con cui vieni a contatto.
  5. Non prendere farmaci antivirali o antibiotici se non te lo prescrive il medico: Allo stato attuale non ci sono evidenze scientifiche che l’uso dei farmaci antivirali prevenga l’infezione da nuovo coronavirus (SARS-CoV-2). Gli antibiotici non funzionano contro i virus, ma solo contro i batteri. Il SARS-CoV-2 è, per l’appunto, un virus e quindi gli antibiotici non vengono utilizzati come mezzo di prevenzione o trattamento, a meno che non subentrino co-infezioni batteriche.
  6. Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol: I disinfettanti chimici che possono uccidere il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) sulle superfici includono disinfettanti a base di candeggina / cloro, solventi, etanolo al 75%, acido peracetico e cloroformio. Il tuo medico e il tuo farmacista sapranno consigliarti.
  7. Usare la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate: L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di indossare una mascherina solo se sospetti di aver contratto il nuovo coronavirus, e presenti sintomi quali tosse o starnuti, o se ti prendi cura di una persona con sospetta infezione da nuovo coronavirus (viaggio recente in Cina e sintomi respiratori). Uso della mascherina: Aiuta a limitare la diffusione del virus,ma deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene quali il lavaggio accurato delle mani per almeno 20 secondi. Non è utile indossare più mascherine sovrapposte.
  8. I prodotti MADE IN CHINA e i pacchi ricevuti dalla Cina NON sono pericolosi: L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che le persone che ricevono pacchi dalla Cina non sono a rischio di contrarre il nuovo coronavirus, perché non è in grado di sopravvivere a lungo sulle superfici. A tutt’oggi non abbiamo alcuna evidenza che oggetti, prodotti in Cina o altrove, possano trasmettere il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2)
  9. Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo Coronavirus: Al momento, non ci sono prove che animali da compagnia come cani e gatti possano essere infettati dal virus. Tuttavia, è sempre bene lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il contatto con gli animali da compagnia.
  10. Contattare il numero verde 1500 per maggiori informazioni:  Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500.

In questa pagina saranno pubblicate tutte le informazioni utili.