Contenuto principale

Messaggio di avviso

ambrosia

 

SERVIZIO AMBIENTE E RIFIUTI
PREVENZIONE ALLERGIE DA POLLINE DI TIPO AMBROSIA
 
 

Cliccando nel "menù a tendina" di seguito riportato sono disponibili informazioni e modulistica utili per il soddisfacimento delle richieste. 

COS'E'

L’ambrosia è una pianta erbacea che nasce spontaneamente in America ma che negli ultimi anni si è diffusa in nord Italia attraverso il trasporto su gomma: il polline di ambrosia ha alcuni piccoli aculei che gli permettono di agganciarsi ai pneumatici dei veicoli. In questo modo, l’ambrosia si è diffusa in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e un po’ anche in Centro Italia.

Nel territorio italiano si è diffusa la specie dell’ambrosia artemisifolia, un grande rischio per chi soffre di allergie. L’ ambrosia artemisifolia si moltiplica attraverso il seme, ogni pianta può produrne oltre 15.000 e i semi sono molto vitali e possono germogliare anche dopo 40 anni. È una pianta erbacea spontanea che cresce su terreni aridi e incolti senza alcun bisogno di particolari cure da parti dell’uomo, una caratteristica, questa, che ne facilità la presenza su territori ampi, come i bordi delle strade, i cantieri cittadini, le aree incolte sulle massicciate ferroviarie e i giardini pubblici.

L’allergia all’ambrosia si manifesta soprattutto in estate, quando la pianta trova l’ambiente ideale per germogliare con le elevate temperature, e si manifesta sia se si è esposti al polline sia dal contatto diretto con l’infiorescenza della pianta, dal momento che il suo è un polline molto più potente di quello delle graminacee: nei soggetti allergici, provoca immediatamente riniti, congiuntiviti e asma, oltre a fenomeni di sensibilizzazione.

La fioritura dell’ambrosia avviene tra maggio e giugno, e la fioritura tardiva da luglio ad ottobre prolunga nei soggetti sensibilizzati le manifestazioni allergiche dovute ai pollini. Chi è allergico non deve manipolare la pianta in alcun modo se non utilizzando guanti fino al gomito e mascherina, e deve fare attenzione fare passeggiate e attività fisica all’aperto solo la mattina presto o dopo il tramonto, quando la concentrazione di pollini nell’aria diminuisce.

La prevenzione all’allergia all’ambrosia deve cominciare ad aprile, cioè circa un mese prima della pollinazione.


CHI
 

 proprietari e/o conduttori pubblici e privati di terreni incolti o coltivati (anche quelli sottostanti i piloni dell’alta tensione);

 proprietari di aree agricole, aree verdi incolte e di aree industriali dismesse;

 amministratori di condominio;

 responsabili di cantieri edili pubblici e privati; 

 conduttori di cantieri edili e per infrastrutture varie;

 Responsabile dell’A.N.A.S. – Compartimento Regionale per la viabilità; 

 Responsabile Settore Strade della Città Metropolitana di Milano; 


COME
 
Allo scopo di arginare il più possibile il fenomeno, le ASL della Regione Lombardia sin dal 1999, impongono a tutti i proprietari, pubblici e privati, di terreni colti o incolti, di osservare scrupolosamente i periodi di infiorescenza dell'ambrosia e di  provvedere al taglio o estirpazione, con metodi meccanici o chimici, nei periodi stabiliti.
Secondo i competenti organismi sanitari,infatti, l’ “Ambrosia” non suscita fenomeni allergizzanti, se non in fase di fioritura, in quanto sono i pollini derivanti dalla infiorescenza, in combinazione con l’inquinamento atmosferico, a creare fastidiose e persistenti allergie.

DOVE
 
 Gli sfalci dell'ambrosia vengono stabiliti di anno in anno dal Comune attraverso un' Ordinanza del Sindaco.

 TERMINI E TEMPI IN CUI EFFETTUARE LA SFALCIATURA
 
Gli sfalci devono essere eseguiti nei seguenti periodi: 
 
 
PERIODI OBBLIGATORI DI SFALCIO ERBA PER PREVENZIONE DA AMBROSIA 
 1° sfalcio ultima settimana di luglio
 2° sfalcio tra la fine della seconda decade e l’inizio della terza decade di agosto
per il solo ambito agricolo esecuzione di un solo intervento da effettuarsi nella prima metà di agosto

Criteri:

 un’attenta osservazione delle condizioni in campo;

 intervenendo sempre prima della fioritura.

In caso di ravvisata necessità e se la stagione climatica dovesse favorire l’eccessivo ricaccio con fioritura, è consigliato un ulteriore intervento all’inizio di settembre.

 


SANZIONI AMMINISTRATIVE PER INADEMPIENZA ALL'ORDINANZA
 
Per eventuali mancanze sono previste le seguenti sanzioni amministrative: 
 da €. 50,00= a €. 200,00.= per un’area fino a 2000 m2;
 da €. 200,00= a €. 500,00.= per un’area oltre 2000 m2.

 

Per tornare alla pagina generale del SERVIZIO AMBIENTE E RIFIUTI clicca:Torna a Servizio Ambiente e Rifiuti

 

 
 
DI SEGUITO ORDINANZA DEL SINDACO SULLO SFALCIO DELL'AMBROSIA:

 

Allegati:
Scarica questo file (ORDINANZA SINDACALE N. 63-2017.pdf)Ordinanza del Sindaco sulla prevenzione da polline di tipo AMBROSIA 2017320 kB2017-06-15 12:562017-06-15 12:56